Il fado di Lisbona e la sua musica

20
31

Ci sono momenti. Sempre. Momenti di fiume in piena in cui ogni cosa viene vista col sole, ma anche momenti in cui uscire dalla bolla diventa difficile. Non qui a Lisbona però. Qui il mondo sembra essersi fermato.

Lisbona suona l’Eurovision Song Contest 2018

Per chi di voi non mi seguisse sui social o non lo sapesse ancora, mi trovo a Lisbona per l’Eurovision Song Contest 2018 di quest’anno. Come sempre la città ospitante, vincitrice dell’edizione precedente, si riempie di quella musica che risuonerà nelle menti di tutti gli appassionati di questo genere per mesi. Lisbona non è da meno. La città infatti, sin dall’aeroporto fino anche alle piazzette del centro, si è vestita dei mille colori dell’Eurovision Song Contest; e con questi colori è arrivata la musica.

La musica c’è. Ma c’è sempre stata?

Nei rapidi giri che tra un’intervista e l’altra si riescono a fare qui a Lisbona, la quantità di musica nell’aria non è poca. Quello che però sorge spontaneo pensare è se questa musica ci sia sempre stata o invece se quello che si sperimenta in questi giorni è dovuto solo all’Eurovision. Ebbene, per rispondere a questa domanda, dato che di inventare su due piedi, mi spiace, ma non mi va, mi sono messo a chiedere un po’ in giro a degli “indigeni del luogo”. Questo è quello che ne è uscito.

Barrio Alto e il Fado

Sembra che l’Eurovision sia solo capitato in una delle capitali della musica da strada e di locali dove la musica fa da padrona. Se vi recate nel quartiere di Barrio Alto, recatevi al “Café Luso”. Questo è uno dei luoghi simbolo per il Fado. Il Fado è la musica del popolo. Derivando il suo nome dal latino fatum, nel Fado si può ritrovare tutta quella malinconia tipica della lusitana, che descrive quel popolo delle classi sociali più basse con le loro passioni. Divenuta patrimonio mondiale dell’Unesco, il Fado possiede anche uno dei musei più belli di Lisbona: il Museu do Fado, che ricco di uno archivio sonoro importante, è in grado di attrarre tutti, dai più grandi ai più piccolini.

Eurovision Song Contest 2018

Fatemi dare anche qualche informazione rapida rapida sull’Eurovision però. Oggi siamo a metà tra le due semifinali che stanno decretando chi saranno i 26 finalisti. Ad oggi, in aggiunta ai 6 finalisti – noti fin da prima della prima semifinale: Italia, Regno Unito, Francia, Spagna, Germania e Portogallo – gli altri paesi che gareggeranno Sabato prossimo sul palco degli Eurovision Song Contest 2018 sono:

Albania, Austria, Bulgaria, Cyprus, Czech Republic, Estonia, Finland, Ireland, Israel and Lithuania.

Sperando vi sia piaciuto, fatemi sapere se a Lisbona siete già stati e se ci sono altri luoghi dove dovrei andare a godermi della buona musica.

Alla prossima

 

20 COMMENTS

  1. Sono stata a Lisbona l’anno scorso ma non saprei darti un nome in particolare. Ricordo infatti che il fado era ovunque e in quasi tutti i locali. Io mi sono innamorata dei Madredeus (mi dicono siano quelli più europei ed esportabili) e tornando a casa mi sono comprata 3 CD che la mia amica ha definito Must Have.

  2. Nel frattempo l’Eurovision c’è stato e il legame tra musica e paesaggio è stato forte, secondo me, aldilà della musica, bellissima, io ho apprezzato molto come hanno fatto conoscere Lisbona e il Portogallo attraverso gli artisti in gara.

  3. Sono stata a Lisbona ma nel lontano 2009 una città romantica, con i suoi angolini fantastici.. il fado fu meraviglioso e toccante!sono stata a Cascais anche e li apprezzai anche una buonissima cataplana, una specie di zuppa di pesce ed in riva al mare.. se non l’hai provata te la consiglio..

  4. Mi sono immaginata, al Barrio Alto, entrare nel Café Luso… è partita la musica malinconica e mi sono ritrovata a sognare davanti al pc. Sembra un luogo da pellicola per come lo racconti.

  5. Tempo fa ho vissuto a Lisbona, all’Alfama, per un periodo breve….quanto ho amato questa città dalla bellezza malinconica d’altri tempi. Il fado mi ha conquistata già anni fa: sento che il suo languore raffinato sia molto affine a quello della mia anima.

  6. Quando leggo di Lisbona, che ancora non ho visitato di persona, mi rendo conto di quanto poco so di questa città sulla quale c’è sempre un mondo da scoprire. Ad esempio… non conosco il fado ma da quello che scrivi e dai commenti dei tuoi lettori e lettrici, sono certa che mi conquisterebbe.

  7. Sono stata a Lisbona parecchi anni fa ma mi ricordo ancora i musicisti di strada e il costante sottofondo musicale che mi accompagnava ovunque in città. E il fado sicuramente è uno dei simboli di Lisbona 🙂 Se tornerò andrò a sentirlo al Café Luso che hai consigliato 😉

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here